29 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Stagione 2011-12

Special Time - Grande Festa del Basket alla Don Milani: l´amarillo si addice al Natale.

23-12-2011 16:44 - Stagione 2011-12
La concentrazione della vincente coach Amarilla, Tere Almoguera, e la festosa atmosfera del tavolo.
Torneo di Natale targato Basket Venaria, una grande, nella semplicità, riuscitissima festa per il basket femminile della società. Un torneo tra tre diverse "categorie" d´età (U19, U17, U15, con alcuni gradevolissimi inserimenti ancora più Under) per celebrare la passione e l´attenzione (formativa) per il basket, ma anche per stare insieme festosamente e celebrare tutte le (indispensabili) componenti del variegato "mondo" venariese: giocatrici, certo, ma anche coach (Vito, il primo promotore dell´evento, e poi Tere, Carlo, Miki, Tony, Iacopo), dirigenti (Enza, Grazia, Alberto, Guido, oltre a chi scrive), genitori (non posso nominarli tutti, ma tutti lo meriterebbero), munifici sponsor (assolutamente fondamentale la ditta Lufra di Massimo Ripari, che ha generosamente donato i gadget per tutte le giocatrici e le tre bellissime targhe in cristallo per i premi individuali) e sponsor "permanenti", presenti solo in spirito (Teo e Rosanna che hanno saccheggiato alcune riserve auree di capi tecnici della società per le premiazioni delle giocatrici, prima di ritirarsi a meditare in India e perciò presenti con il loro Dharma).

La Cronaca:

Nella prima partita le rosse "cite ma bun^e" di un eccitato coach Vito rimontano e superano le "boce" un po´ troppo "ferme" di coach Tony, che qualche responsabilità, nella composizione dei quintetti, nell´occasione ce l´ha.
Seguono due partite dominate dalle pseudo ("a smia")-tumatiche verdi di coach Carlo che, grazie anche a una implacabile Claudia Tuberga, schiantano la solarità (a fa nen freid) amarilla delle ragazze di coach Tere e sminuiscono ulteriormente le scarlatte giocatrici di coach Vito.
E´ poi la volta di un uno-due catalano delle Tere-Girls che fanno paella delle cianotiche "boce ferme" di Coach Tony e delle paonazze "bun^e cite" di un affranto coach Vito.
Nell´ultima partita di girone le tumatiche di coach Carlo sono verdi di bile quando a "boce ferme" coach Tony si rifà riuscendo a far ripartire in contropiede le sue celestiali gazzelle per un "quat al truc" che riequilibra i valori.
Il tempo è tiranno e, visto che la classifica W-L lo suggerisce (due squadre con due W, gialle e verdi; due con una, rosse e blu), si passa alla finale terzo-quarto posto, stradominata dalle puffette di coach Tony (tra le quali fa piacere segnalare la elegante e cresciutissima ´97 Alessia Di Maggio) sulle "arrossite" (di vergogna?) di coach Vito, e alla inizialmente equilibrata finalissima verdi-gialle che si risolve sul finale a favore del giallo-amarillo del "sole" spagnolo che ingiallisce le verdi speranze delle "tumatiche" di coach Carlo.
Si premiano quindi le giocatrici che hanno espresso il miglior gesto tecnico (se non il miglior risultato) nel tiro (Martina Peiretti), nel passaggio (Giorgia Tunno) e nella difesa (Silvia Martino) - confermando nella sostanza le utilissime tavole esposte in bacheca e preparate in ambito "special time" da coach Miky - e davvero tutte le giocatrici con i gadget-ricordo e con ricchi premi (ciascuna ha avuto un capo tecnico di vestiario marchiato Venaria).
Complessivamente è stata una piacevolissima manifestazione, in cui si è ammirato un gradevolissimo basket: non si sono viste solo la stratosferica velocità di Chiara Fontana, la potenza verticale di Ilenia Cordola, le virtuosistiche "magie" di Angela Frigerio o l´esuberanza caratteriale e la classe infinita di Nicoletta Baima (peraltro quattro giocatrici da cui ci si aspetta molto per il prosieguo di stagione) ma molto di più: tante bravissime giocatrici di ottimo livello che fanno del Basket Venaria un polo di Pallacanestro giovanile femminile, una squadra di squadre, che ha forse oggi pochi eguali nello stivale. Senza montarci la testa, sempre con umiltà e consapevolezza che il percorso è tutto da fare, se qualcosa di simile, che lo suggerisse pure di lontano - o solo nelle intenzioni - si è visto negli ampi (e riscaldati) locali del "Don Milani Forum", dobbiamo esserne orgogliosi.


Fonte: Ufficio Stampa
Documenti allegati

Realizzazione siti web www.sitoper.it